5 strumenti per migliorare contenuti SEO

I 5 strumenti chiave per migliorare i tuoi contenuti in ottica SEO

Creare dei contenuti web di alta qualità non è semplice: devi scrivere qualcosa di leggibile, esteticamente gradevole e che, allo stesso tempo, porti delle vendite. E non è tutto: devi anche cercare di utilizzare le parole chiave migliori per ottenere un buon posizionamento sui motori di ricerca… la cosiddetta SEO.

Per scrivere dei buoni contenuti in ottica SEO devi tenere sempre a mente queste 4 regole:

1) Scegliere un argomento interessante, che induca gli utenti a cliccare per leggerlo;

2) Trovare le parole chiave necessarie per ottenere un buon posizionamento;

3) Scrivere un testo in linea con i “requisiti” dei motori di ricerca;

4) Coinvolgere i tuoi utenti in modo da ottenere dei link organici

Come vedi ci sono moltissimi elementi da considerare. Fortunatamente, però, esistono dei tool online che possono aiutarci a migliorare notevolmente la SEO dei nostri contenuti. Vediamo insieme 5 tra gli strumenti più utili disponibili sul web.

 

  1. Google Trends

La domanda più importante che devi porti ogni volta che stai per scrivere un contenuto web è “quali sono gli argomenti più popolari e interessanti per il mio pubblico?”.

Google Trends ti mostra quali sono le ricerche più effettuate dagli utenti nelle ultime settimane, le relative ricerche correlate e anche la loro distribuzione geografica. Una serie di elementi molto importante per capire quali temi trattare sul tuo sito. Senza contare che, essendo Google il motore di ricerca più utilizzato al mondo, seguendo i trends del momento avrai ottime probabilità che i tuoi nuovi contenuti ottengano un buon posizionamento e, di conseguenza, portino molto traffico al tuo sito.

 

  1. Google Keyword Planner

Uno dei metodi migliori per aumentare il traffico sul tuo sito web sono le ricerche per parole chiave: utilizzando le keyword giuste, infatti, i motori di ricerca capiranno subito di quali temi trattano i tuoi contenuti e quanto sono rilevanti per gli utenti.

In questa attività potrà esserti molto utile il Google Keyword Planner (in italiano “Strumento di Pianificazione delle Parole Chiave”): inserendo le keyword che ti interessano nell’apposita barra di ricerca del tool, ti apparirà una lunga serie di suggerimenti, sinonimi rilevanti e termini correlati all’argomento della tua ricerca (magari parole a cui non avevi pensato…).

Il Keyword Planner ti mostrerà anche il numero medio delle ricerche per la parole chiave che ti interessano e nella sezione “Historical” potrai vedere le statistiche di quelle keywords durante un certo periodo di tempo.

  1. Website Auditor’s Content Editor

Website Auditor’s Content Editor è un tool per creare e modificare i tuoi contenuti online. È un’app di “processamento di parole” con funzioni SEO, perciò permette di creare e modificare pagine web avendo sempre a portata di mano dei consigli utili sulla SEO.

Mentre stai scrivendo un contenuto per il tuo sito il tool ti fornirà alcuni valori sulla SEO (ad esempio se stai usando troppe o troppo poche parole chiave rilevanti per l’argomento che hai scelto, i tag consigliati da aggiungere, il testo alternativo per l’immagine etc).

Website Auditor’s Content Editor, inoltre, ti mostra le ricerche più effettuate dagli utenti collegate al tuo contenuto e ti suggerisci automaticamente delle parole chiave che potresti aggiungere per aumentare le probabilità che il tuo contenuto ottenga un buon posizionamento SEO.

 

  1. Yoast’s Real-Time Content Analysis

YOAST è il più noto plugin per WordPress, e ogni giorno aiuta milioni di persone a migliorare la SEO dei loro contenuti web. Il Real-Time Content Analysis di YOAST offre delle funzioni simili a quelle di Website Auditor, ma con una predisposizione particolare per WordPress.

Questo tool combina le funzioni di word processor con quelle di monitoraggio SEO e, essendo un servizio web-based (come tutti i plugin SEO di YOAST), potrai modificare le tue pagine web in qualsiasi momento e ovunque tu sia.

 

  1. Buffer

Uno degli elementi più importanti per la SEO sono i backlink organici. Avere dei backlink organici sulle tue pagine web ti permette infatti di ottenere un ottimo posizionamento sui motori di ricerca, perché gli algoritmi di Google riconosceranno la tua pagina come interessante e utile per gli utenti.

Per ottenere questi preziosi link, però, è necessario avere dei siti terzi che rimandino al tuo, perciò dovrai fare un gran lavoro di coinvolgimento degli utenti e chiedere loro di condividere i tuoi contenuti.

Il tool Buffer ti aiuta a coordinare la pubblicazione dei tuoi contenuti e ad analizzare i dati dei social media, in modo da aumentare l’engagement degli utenti sul tuo sito.

La dashboard di Buffer ti mostra il “reach” (il numero di utenti unici che hanno visualizzato un contenuto sul web) che ottieni quando pubblichi un nuovo contenuto ed il tipo di pubblico che interagisce con esso.
In questo modo potrai aumentare la diffusione dei tuoi contenuti e, in definitiva, le probabilità che la tua pagina web appaia nelle prime posizioni sui motori di ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su