blockchain internt of value

Cosa è la blockchain

La blockchain, semplificando, è un registro distribuito che permette la conservazione di dati e lo scambio di informazioni sicuro. Tutte le transazioni sono infatti criptate e devono essere validate dalla maggioranza dei componenti della rete. E’ inoltre veloce, perché le stesse sono verificate in pochi minuti. Tutti gli scambi sono archiviati all’interno di blocchi  collegati l’uno all’altro (chain, catena) e inseriti nella catena, che viene quindi modificata.

La blockchain non ha bisogno di un’autorità esterna per il controllo, perché ogni tentativo di manomissione provocherebbe un disallineamento di tutti i suoi blocchi.

La blockchain è un sistema venuto alla ribalta soprattutto grazie ai Bitcoin, il cui progetto è creare una valuta digitale spendibile nella rete che permetta transazioni più veloci e non controllate da governi centrali. Oggi il Bitcoin è la criptovaluta più utilizzata e scambiata negli exchange, una sorta di borsa azionaria per criptovalute.

Documenti e transazioni di vario genere sono ormai digitalizzati e occupano gran parte degli archivi dei server e dei pc di organizzazioni facilmente preda di virus informatici; in altri casi vengono conservati nei cloud gestiti da società sicure, ma da noi poco controllabili. In poche parole deleghiamo la conservazione e l’inviolabilità delle nostre informazioni – anche sensibili – ad enti terzi e ai loro dipendenti, senza avere però certezze che tutto questo sia rispettato.

La tecnologia blockchain, invece, permette al singolo utente di secretare i propri dati attraverso una chiave privata e di condividerli solo con chi possiede la chiave pubblica, anch’essa generata dal proprietario dei dati

Innanzitutto delle indicazioni per la lettura di questo articolo:

  1. Non sto consigliando di investire in criptovalute, descrivo un sistema che è in evoluzione e che potrebbe diventare uno standard nel prossimo futuro. E’ quindi importante essere consapevoli delle sue potenzialità;
  2. La criptovaluta non è – o non è ancora – una valuta intesa come mezzo per ottenere beni e servizi: molti esercenti nel mondo la accettano come forma di pagamento, ma è ancora talmente instabile che non sempre risulta conveniente, né chi acquista né per chi vende;
  3. Per ottenere le criptovalute e/o fare trading (acquisto e vendita attraverso specifici mercati)  bisogna avere una conoscenza approfondita della gestione (acquisizione, conservazione e creazione), del funzionamento della tecnologia alla base del sistema (blockchain), degli exchange (i mercati dove possono essere conservati e scambiati) e dei wallet (portafogli virtuali e personali gestiti attraverso il pc, apposite app per smartphone e chiavette usb dedicate). Bisogna inoltre studiare il progetto che è alla base dell’emissione delle criptovalute (ico) e conoscere i fondamenti dell’analisi tecnica.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su