Come fare marketing su Linkedin

Come fare marketing su Linkedin, 3 metodi per le aziende B2B

Una domanda che, prima o poi, chiunque abbia un’attività si pone è “dovrei promuovere il mio business anche su Linkedin?”. La risposta è sì, e di seguito ti spieghiamo perché. Dalla sua nascita nel 2002 Linkedin naturalmente si è evoluto fino a divenire il social network dei professionisti e, allo stesso tempo, uno strumento di marketing per le aziende B2B.

Come ogni altro social, più le aziende riescono a mantenere una presenza rilevante su Linkedin – ad esempio pubblicando contenuti, organizzando eventi, aggiornando le informazioni e “facendo rete online”, maggiori benefici otterranno. È infatti innegabile che nel momento in cui, per qualsiasi motivo, smetti di pubblicare o in qualche altro modo ti prendi una pausa da un social, in breve tempo noterai una diminuzione del numero dei tuoi followers (e ovviamente del loro engagement).

Una volta compresa quindi l’importanza per un’azienda di essere presente su Linkedin, vediamo ora 3 ottimi metodi (gratuiti) perfetti per la promuovere il tuo business sul social network dei professionisti.

1) Crea un Gruppo Linkedin o  interagire in un gruppo esistente

Poche aziende hanno compreso le opportunità che i gruppi Linkedin offrono di soddisfare i bisogno dei loro clienti, e non sanno che spesso bastano 15 minuti al giorno per dare visibilità al proprio business e attrarre potenziali clienti. Creare e gestire un gruppo Linkedin è infatti un ottimo metodo per coltivare contatti e condurre discussioni sui temi inerenti alla tua attività.

I gruppi offrono un gran numero di informazioni, che provengono direttamente dai membri. Informazioni preziose perché possono riguardare le criticità comuni agli appartenenti ad un determinato settore, recensioni di prodotti o servizi che alcuni utenti hanno testato per risolvere un loro problema e, ovviamente, notizie sull’industria di riferimento.

Ricordati però che un gruppo Linkedin, per funzionare bene, deve mantenere un certo stile, perciò sii sempre pronto ad intervenire quando un membro dovesse infrangere le regole che hai stabilito in fase di creazione del gruppo.

2) Utilizza i Lead Generation forms

Disponibili nelle pubblicità a pagamento e nelle pagine prodotto di Linkedin, i lead generation forms servono ad aggiungere una call-to-action alla pagina Linkedin della tua attività. Questo è un grande strumento poiché una newsletter, un pulsante di prenotazione o il download di un documento sono tutti ottimi metodi per portare gli utenti a visitare il tuo profilo.

3) Organizza un evento su Linkedin

Organizzare un evento online su Linkedin – ad esempio un webinar – è un altro fantastico mezzo per suscitare l’interesse degli utenti verso la tua attività e porti come un leader nel tuo settore di competenza. Su Linkedin potrai organizzare un webinar utilizzando la funzione interna della piattaforma (detta “Linkedin Live”), che ti permette di trasmettere in diretta ai tuoi followers. Questi ultimi, accedendo, oltre a seguire il tuo webinar potranno ottenere informazioni sulla tua azienda, sui tuoi partner e, in definitiva, fare networking. In alternativa a Linkedin Live, potrai organizzare un evento da trasmettere in diretta su Linkedin utilizzando anche altre piattaforme dedicate, come Zoom o GoToWebinar.

Definisci la strategia dei contenuti

Infine, una precisazione importante. In quanto azienda, ricordati che una delle primissime operazioni che dovrai fare è costruire il tuo “content plan”, il piano dei contenuti con cui fare marketing su Linkedin, che cambierà a seconda che tu sia un business focalizzato più sugli eventi, sui contenuti o su altri fattori chiave. Per prima cosa quindi individua quali sono i tuoi obiettivi e, in base ad essi, definisci la tua strategia dei contenuti che ti servirà ad esempio ad ottenere conversioni da una landing page, generare traffico sul tuo sito web o ricevere richieste di informazioni sulla tua pagina Contatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su