Come creare contenuti “easy to use”

Gli esperti di web writing sottolineano sempre l’importanza di scrivere contenuti di qualità e “performanti”. Per gli algoritmi di Google, però, le persone che visualizzano i nostri contenuti devono avere anche una buona esperienza, da qui l’importanza di rendere i nostri testi “Easy to Use”.

Se è vero che, per ottenere più visualizzazioni e creare engagement, accompagnare i nostri post da foto e video è quasi imprescindibile, è altrettanto vero che i contenuti testuali parlano al lettore con la voce del lettore. Il testo quindi, se il lettore è davvero interessato, resta impresso più di qualsiasi immagine.

I contenuti migliori dovrebbero rispondere a una domanda, aiutare i lettori a prendere una decisione o intrattenerli. È sempre bene ricordare, poi, che gli utenti usano i contenuti quando vogliono, quando ne hanno bisogno: dal leggere la recensione di un locale o di un prodotto al cercare una ricetta di cucina.

Ma come scrivere contenuti facili da usare? Ecco alcuni suggerimenti per rendere i tuoi articoli, post o altri testi più interessanti e più facilmente fruibili dai tuoi lettori.

 

Tempo di lettura – Includi un tempo di lettura stimato sulla pagina: in genere si calcola dai 3 ai 5 minuti ogni 500 parole.

Prima le cose importanti – Gli utenti in media passano non più di 15 secondi su una pagina web… ecco perché le cose più importanti di un testo devono essere facili da trovare.

Parola d’ordine: semplicità – Sul web ricorrere a “paroloni” non serve: cercate di mantenere un buon rapporto tra frasi brevi e lunghe e di utilizzare dei termini semplici.

W gli elenchi – Gli elenchi puntati aiutano a rendere un testo ordinato ed efficace. Se il tuo contenuto lo permette, utilizzali.

Paragrafi brevi – I paragrafi lunghi a volte sono utili per spiegare meglio un concetto, ma molto spesso risultano stancanti per il lettore. Cerca quindi di utilizzare il più possibile paragrafi brevi.

Immagini, grafici e diagrammi – Inserire foto, grafici e diagrammi aiuta molto l’esperienza del lettore. Attenzione però a non inserire oggetti troppo grandi, altrimenti i tempi di caricamento della pagina si allungheranno sensibilmente.

Collegamenti in una nuova scheda – È molto importante che i collegamenti si aprano in una nuova scheda. Senza questo piccolo accorgimento, infatti, rischiamo che il lettore, una volta approdato su un’altra pagina web, non ritorni al nostro articolo ma finisca su altri siti, vanificando quindi tutto il nostro lavoro.

Testo alternativo – Ricordati di scrivere anche il testo alternativo: serve ai visitatori ipovedenti (che utilizzano gli screen reader), ma è utile anche quando le immagini non vengono caricate correttamente, poiché viene ugualmente visualizzato. Infine, ricordati che crawler dei motori di ricerca leggono anche il testo alternativo.

 

Seguendo con cura tutte queste indicazioni puoi star certo che le persone apprezzeranno ancora di più i tuoi contenuti… e lo stesso faranno gli algoritmi di Google.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su