Come realizzare una pubblicità che catturi l’attenzione in 2 secondi

Come realizzare una pubblicità che catturi l’attenzione in 2 secondi

In qualsiasi industria o mercato vige una regola di marketing estremamente importante: la prima cosa da fare è attirare l’attenzione dei potenziali clienti. Del resto, non avrebbe senso cercare di ottenere la fedeltà dei clienti o anche semplicemente tentare di vendere un prodotto se nessuno ci sta notando.

L’attenzione del cliente è limitata e molto rapida, ed è per questo che catturarla (e mantenerla) diventa ogni giorno più difficile. Con le interazioni via web che aumentano sempre di più, i brand hanno davvero poco tempo per farsi notare con le loro pubblicità. In media un annuncio su Facebook viene visualizzato solo per 2,5 secondi su PC, mentre su smartphone e tablet questo tempo si riduce a 1,7 secondi.

Molte aziende ricorrono quindi ad annunci invasivi, notifiche e simili, senza capire che ciò nella maggior parte dei casi arreca disturbo agli utenti, che dedicheranno ancor meno attenzione agli spot ma, anzi, cercheranno sempre il modo più rapido per evitarli. Ecco allora che, per sperare di essere notati, la creatività torna ad avere un ruolo determinante, poiché servono abilità ed ingegno per realizzare una promozione che, in pochissimi secondi, spieghi il messaggio che il brand vuole diffondere. Da qui deriva l’importanza, per i pubblicitari, di riuscire a sintetizzare gli slogan del loro brand in un messaggio chiaro e conciso allo stesso tempo.

Una missione impossibile? Sembrerebbe di no, dal momento che, secondo una ricerca Nielsen, anche un annuncio di soli 2” può tradursi in telefonate, aumento della brand awareness e invogliare ad effettuare un acquisto online. Ecco allora che i 2,5” di cui parlavamo prima, per un pubblicitario sono un tempo più che sufficiente.

Ma come realizzare un annuncio pubblicitario che riesca a far breccia nei consumatori in un flash? Di sicuro, per iniziare, bisognerebbe seguire questi 3 passaggi:

 

  1. Ripensa il tuo target

Il target, ovviamente, è fondamentale per la buona riuscita di un annuncio. Valuta quindi con molta attenzione chi possono essere i destinatari migliori a cui inviare il tuo messaggio, altrimenti rischierai di lanciare una pubblicità “a vuoto”, oltre a far sprecare soldi alla tua azienda. Molto spesso è meglio raggiungere un pubblico più limitato ma sicuramente interessato piuttosto che una grande massa di cui non conosciamo bene i gusti

 

 

  1. Fai leva sulle emozioni

I clienti più coinvolti e affezionati sono quelli che hanno sviluppato una “connessione emotiva” con il brand. Secondo l’Harvard Business Review, questi clienti valgono circa il doppio rispetto a clienti che sono semplicemente soddisfatti dei loro acquisti. Ecco allora che i pubblicitari dovrebbero cercare sempre di far leva sulle emozioni delle persone, realizzando annunci che, nonostante la brevissima durata, riescano a smuovere qualcosa nell’animo dei potenziali clienti.

 

  1. Offrire futuro valore

I programmi fedeltà delle aziende vengono visti sempre come dei semplici metodi per far sì che i clienti attuali ritornino… essi però dovrebbero essere concepiti anche per ottenere nuovi clienti. Inoltre, è importante che i brand incoraggino gli attuali clienti a lasciare qualche dato all’azienda e a parlare della stessa con parenti e amici (magari donando loro in cambio buoni sconto, promozioni etc).

Grazie a questi dati, infatti, un’azienda può costruirsi dei profili più accurati dei suoi clienti, realizzare pubblicità più mirate e, di conseguenza, ottenere maggiori introiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su