Social media, come utilizzare i dati analitici

Social media, come utilizzare al meglio i dati analitici

I dati analitici delle tue attività sui social network sono estremamente importanti, e questa non è una novità. Ottenere grandi numeri è ovviamente l’obiettivo di tutti, è gratificante e ti stimola a migliorare il tuo lavoro, ma resta una domanda: cosa fare con tutti questi dati?

La buona notizia è che puoi utilizzare i dati dei social media in modi molto produttivi, per migliorare l’immagine del tuo brand e, nel lungo periodo, anche i profitti. Ecco quindi i metodi più utili per sfruttare al meglio gli insights della tua azienda.

Segmentazione degli utenti

Il primo motivo per cui i dati delle azioni svolte sui social dal tuo pubblico sono utili è che ti permette di segmentarlo: in base alle caratteristiche dei tuoi utenti potrai suddividerli per età, località, professione etc e, successivamente, predisporre dei messaggi personalizzati rivolti ai singoli segmenti del target.
Inutile ricordare infatti che, nel marketing, è essenziale inviare il messaggio giusto alla persona giusta.

Lead nurturing

I dati social si rivelano poi estremamente utili nel cosiddetto “lead nurturing”, l’insieme delle attività di web marketing funzionali ad instaurare una relazione con i lead (potenziali clienti) attraverso diversi canali web con l’obiettivo finale di ottenere delle conversioni.

Oggi, grazie alle numerose piattaforme di marketing automatizzato, i brand utilizzano la loro grande mole di dati soprattutto per 3 scopi:

1) Social touches – Azioni che si attivano quando un lead clicca su determinati post social. Facendo parte di una campagna specifica, questi lead hanno un valore maggiore di quelli che eseguono un’azione più comune come cliccare sul link del tuo sito web

2) Usare i post social per avviare attività di marketing – Se ad esempio un lead interagisce con un post che hai pubblicato sulla tua pagina aziendale (Facebook, Linkedin…), potrai prendere spunto dalla sua azione per avviare una campagna email legata al messaggio e all’offerta veicolati nel post

3) Infine, sfruttare i dati per verificare quali canali funzionano di più e, di conseguenza, affinare le tue attività di marketing sui social media

Programmazione dei contenuti

Uno dei dati più interessanti che ci forniscono i social è quello relativo ai momenti della giornata in cui gli utenti sono online più spesso. Questo è un elemento imprescindibile per qualsiasi web marketer, poiché sarà proprio in base agli orari degli utenti che deciderai quando pubblicare i tuoi contenuti.

Inoltre, grazie agli ormai diffusissimi software di programmazione social, potrai impostare rapidamente i tuoi post per essere pubblicati automaticamente nei giorni e negli orari che ritieni più efficaci.

Sapere quando è più probabile che il tuo pubblico veda i tuoi post ti permetterà infatti di ottimizzare il ROI e in generale, una parte significativa del tuo marketing online.

Valorizzazione dei contenuti più performanti

Infine, un ultimo elemento da non sottovalutare: i dati dei social, mostrandoci il numero di visualizzazioni, likes, commenti e condivisioni, ci permettono di capire quali sono i contenuti che rendono di più.

In questo senso una strategia utile è quella di prendere spunto dai post che hanno avuto maggiore successo in termine di engagement degli utenti per produrne di simili e anche di riproporre gli stessi post a distanza di tempo. Avere dei contenuti efficaci, “certificati” proprio dai numeri che hanno già ottenuto, sempre pronti all’uso è benzina preziosa per il tuo web marketing.

Questi consigli su come utilizzare al meglio i dati dei social media aiuteranno sicuramente te e la tua azienda, permettendoti di ottenere un vero ritorno dell’investimento sia in termini di costi che di tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su