Social selling 3 pilastri

Social selling, i 3 pilastri di una strategia efficace

La popolarità dei social network oggi è tale che, di questo passo, un utente medio avrà trascorso 5 anni della sua vita sui social. I vari Facebook, Twitter, Instagram, Linkedin etc hanno cambiato il modo in cui comunichiamo, come interagiamo con i nostri amici e, per quanto riguarda l’ambito professionale, anche come fare business.

Il cosiddetto social selling – l’insieme delle tecniche per acquisire clienti e vendere attraverso i social network – è stata dunque una naturale conseguenza. Se infatti poco dopo l’invenzione del telefono nacque il telemarketing, oggi è inevitabile che molte aziende abbiano deciso di sfruttare i social come ulteriore mezzo per promuovere i loro prodotti o servizi.

Ma come si possono ottenere clienti e vendere sui social? Esistono 3 elementi imprescindibili che, se seguiti con cura, possono decretare il successo o l’insuccesso del tuo business. Vediamo dunque quali sono i 3 pilastri del social selling.

Coinvolgi il tuo pubblico

L’abbiamo detto tante volte e lo ripetiamo: sui social l’engagement è tutto. Non venderai mai nulla se non sarai in grado di comunicare con gli utenti, capire i loro bisogni, assisterli in tutto il processo di vendita e post vendita. Coinvolgere il tuo pubblico è il primo passo da fare. All’inizio potrebbe sembrarti strano scrivere a persone che non conosci, potresti aver paura del loro giudizio e altre sensazioni negative… fortunatamente non è così, anzi col tempo scoprirai che più sarai disponibile con i tuoi utenti più soddisfazioni riceverai, tu e la tua attività.

In questa attività sarà fondamentale mostrare a tutti la tua “autorità in materia”: solo ponendoti come un esperto di un determinato settore ti permetterà di ottenere la fiducia degli utenti, che giorno dopo giorno ti vedranno come un punto di riferimento e, di conseguenza, decideranno di affidarsi a te per soddisfare i loro bisogni. Il consiglio che ti diamo è quindi di scegliere il tuo settore di competenza, approfondire, restare sempre aggiornato e condividere sui social pensieri, commenti, osservazioni, guide e qualsiasi altro contenuto rilevante per il tuo pubblico.

Offri contenuti di reale valore

A proposito di contenuti, un errore che molti imprenditori commettono è sottovalutare l’importanza di condividere contenuti di valore. Come tutti sappiamo i social abbondando di notizie, articoli etc perciò limitarsi a ripostare l’ennesima guida “I 10 trucchi per…” che hanno già letto tutti non serve a niente. Il tuo obiettivo infatti è farti notare, distinguerti dalla massa, e l’unico modo per farlo è cercare sempre di produrre e offrire al tuo pubblico dei contenuti originali, interessanti, che valga la pena leggere (e magari anche salvare tra i preferiti).

Per capire quali contenuti apprezzano i tuoi utenti devi metterti nei loro panni: devi domandarti “di cosa avrebbero davvero bisogno?” e, una volta individuata la risposta, scriverla in un modo diretto, originale e coinvolgente.

Infine, un suggerimento: anche se sui social pubblicare molto è in genere una buona cosa, troppi post possono essere controproducenti, soprattutto se – come detto – non offrono ai lettori un reale valore. Ecco allora che, nello stesso periodo di tempo, è molto meglio pubblicare un solo contenuto molto rilevante piuttosto che 5 post che verranno subito dimenticati.

Ogni interazione deve avere un obiettivo

Ultimo pilastro, il target. Quando crei una lista dei potenziali clienti che vorresti contattare con il tuo social selling, dovresti avere in mente un obiettivo per ogni singola interazione. L’obiettivo generale di qualsiasi commerciale molto spesso è semplificare il rapporto con il cliente e portare a termine la vendita.

Tuttavia, dal momento che il social selling si fonda molto sulla tua abilità di costruire una forte presenza sulla piattaforma che decidi di utilizzare, non tutti gli utenti saranno dei tuoi potenziali acquirenti. A volte, ad esempio, ti basterà ottenere un po’ di visibilità sul profilo di un influencer del tuo settore, in modo tale che il tuo brand e il tuo business arrivino ad un bacino di utenti più esteso.

Definire gli obiettivi delle tue interazioni ti sarà molto utile perché ti aiuterà a condurre il dialogo con il cliente verso il tuo obiettivo finale. E – lo ripetiamo – molte volte l’obiettivo primario non dev’essere la vendita ma l’interazione e la collaborazione con il tuo pubblico, la costruzione di relazioni e l’apporto di valore. Le vendite poi arriveranno, puoi starne certo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su