Tool gratuiti per il blog fai da te offerti da Google per aiutarti a trovare più clienti di claudio lombardi web coaching

Gli strumenti di Google per sviluppare la nostra strategia digitale

In questa recente ricerca di Semrush vengono evidenziati i fattori di ranking che Google considera importanti per posizionare il tuo sito web nel suo motore di ricerca.

Tra questi le visite sul sito, il tempo di permanenza e il bounce rate (frequenza di rimbalzo dell’utente che abbandona il sito dopo avere visionato una singola pagina di ingresso) e la lunghezza dell’articolo che è indice di informazioni approfondite e conseguentemente dimostra l’autorevolezza del sito agli utenti e al motore di ricerca (se sono interessanti chi vi ha trovato tra tanti competitor rimarrà più a lungo sul vostro sito e potrebbe premiare il vostro impegno realizzando una conversione).

Questa è la dura realtà che devi affrontare quando hai deciso di sviluppare il tuo sito web. Ma Google come ha a cuore gli utenti che cercano sulla sua piattaforma così è magnanimo con chi, come te, ha come obiettivo di aumentare clienti e fatturato sul web: sono a disposizione moltissimi strumenti utili per realizzare contenuti in linea con le richieste e le esigenze degli utenti e progettare un piano editoriale.

Ho preso spunto da questo articolo di Riccardo Esposito sul sito di Studio Samo (un link di approfondimento fa sempre comodo per dimostrare a Google che siamo informati ;)…) .

Ed ecco qua la lista che io ritengo indispensabile per chiunque (per un’analisi di massima non servono moltissime conoscenze) voglia approfondire cosa il futuro nostro cliente sta cercando:

Google Adwords: è la piattaforma pubblicitaria di Google che consente di promuovere il nostro sito e il nostro business sul motore di ricerca e sui siti partner; lo Strumento di pianificazione per le parole chiave, interno alla piattaforma e utile anche per progettare le campagne a pagamento, utilizzato a dovere ti fornisce moltissimi termini ricercati dagli utenti su cui basare la stesura dei tuoi articoli informativi: non soffermarti però sulle parole chiave generiche ma testa anche frasi con più termini; anche una piccola campagna può darti le informazioni che stai cercando: tra le funzioni disponibile puoi trovare le frasi utilizzate da chi sta cercando informazioni e che Google associa ai termini e agli annunci da te scelti per la campagna.

Google Trend: vuoi sapere quali sono gli argomenti più ricercati in un dato periodo per programmare nel dettaglio la pubblicazione dei tuoi contenuti? Basta digitare l’argomento nella classica casella di ricerca e lo strumento ti renderà dei dettagli utilissimi per il tuo progetto: basta navigare un po per prendere confidenza con i dati che ti vengono restituiti e per approfondirli.

Google suggest: il suggeritore di Google Search quando inizi a digitare una parola chiave sul motore di ricerca; tantissime informazioni puoi trovarle in pochi secondi da questa feature utilissima anche per chi sta cercando informazioni.

Search Console e Google Analytics : questi due strumenti che possono anche essere associati ti danno informazioni molto utili sullo stato del tuo sito e dei contenuti già pubblicati; in una strategia di content marketing efficace è sempre utile andare a rivedere cosa è stato fatto nel passato ad esempio per aggiornare i contenuti già pubblicati alle ultime novità del tuo settore; puoi vedere un’analisi delle parole chiave più utilizzate dai tuoi visitatori e il posizionamento delle stesse su Google.

Ma perché Google mette a disposizione tutte queste piattaforme gratuite? Perché lo stesso utente che ti sta cercando sul suo motore di ricerca è lo stesso che potrebbe cliccare su qualcuno degli annunci a pagamento pubblicati nelle posizioni più alte della Serp: l’obettivo del gigante di Mountain View è proprio quello di dare le informazioni più appropriate a chi le sta cercando perché così facendo tornerà ancora per avere risposte alle sue esigenze;

abbiamo tutti, me compreso. la sensazione che gli annunci siano poco cliccati ma se analizzi il tuo comportamento da fruitore (attività che non dobbiamo mai dimenticare di fare neanche quando ragioniamo sul nostro business) scoprirai che se l’annuncio è in linea con la tua ricerca e il contenuto stuzzica la tua curiosità è li che faremo il primo click! Sei d’accordo con me? Scrivimelo nei commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su