google analytics

La content consolidation: cos’è e come può migliorare il tuo SEO

Se il tuo brand crea contenuti da molto tempo, può arrivare un momento in cui alcuni dei tuoi nuovi contenuti vanno a “sovrapporsi” ai vecchi. O, in alternativa, potresti ritrovarti alcuni contenuti, correlati ad altri del tuo sito, ma molto brevi o di poca rilevanza. Queste tipologie di contenuti, se lasciate per sempre lì dove …

La content consolidation: cos’è e come può migliorare il tuo SEO Leggi tutto »

Content consolidation

URL Builder, cos’è e a cosa serve

Mettiamo il caso che abbiamo un negozio di abbigliamento (fisico o online) e che per il periodo estivo vogliamo lanciare una promozione, che chiameremo “Saldi estivi”. Come sappiamo sul web è possibile creare molti tipi di campagne pubblicitarie, e l’aspetto più interessante è che sono tutte misurabili. Esistono infatti diversi strumenti (uno su tutti è …

URL Builder, cos’è e a cosa serve Leggi tutto »

pubblicità online

Come ottimizzare le campagne pubblicitarie per ottenere i risultati migliori

L’epidemia del Coronavirus sta inevitabilmente alterando i normali equilibri di mercato, facendo schizzare alle stelle le richieste per alcune tipologie di prodotti e, allo stesso tempo, danneggiando enormemente gli affari di molte aziende. Sono giorni difficili e che dureranno ancora per un po’ di tempo ma, quando tutto sarà passato, le aziende che avranno già …

Come ottimizzare le campagne pubblicitarie per ottenere i risultati migliori Leggi tutto »

Come ottimizzare campagne pubblicitarie

Google Analytics: monitora e analizza le visite sul tuo sito web

Chi lo ama e chi dubita dei suoi risultati: Google Analytics rimane la piattaforma per il controllo dei risultati dei progetti web più utilizzata al mondo. E in più, caratteristica non da poco, è gratuita. Se ancora non hai attivato il tuo account la procedura per renderlo operativo è molto semplice. (Ricorda Analytics può, e …

Google Analytics: monitora e analizza le visite sul tuo sito web Leggi tutto »

imposta google analytics per monitorare il traffico sul sito tipi di visitatori e provenienza di claudio lombardi consulenza web a 360 Roma

Monitora il traffico sul tuo sito e imposta i sistemi di relazione con i social network

Se non si misura non si può controllare. Se non si può controllare non si può gestire. Se non si può gestire non si può migliorare.  H. J. Harrington Hai da tempo creato uno spazio nel web (sito web, social network, etc.) per la tua azienda e stai ottenendo dei risultati; ma sai valutare quale piattaforma …

Monitora il traffico sul tuo sito e imposta i sistemi di relazione con i social network Leggi tutto »

misura i tuoi risultati e dimostra che gestisci il tuo sito web ci claudio lombardi

Analisi delle conversioni sul sito: come misurare le azioni compiute dall’utente e migliorare il tuo progetto web.

L’acquisto del prodotto o del servizio che stai promuovendo è la conversione che genera un profitto immediato per la tua azienda e quindi è giustamente inserita tra gli obiettivi principali dell’investimento che hai deciso di fare online. Ma in molti casi non è il primo e sicuramente non può essere il solo: l’iscrizione alla newsletter …

Analisi delle conversioni sul sito: come misurare le azioni compiute dall’utente e migliorare il tuo progetto web. Leggi tutto »

L’acquisto del prodotto o del servizio che stai sponsorizzando è la conversione che genera un profitto immediato per la tua azienda e quindi è giustamente inserita tra gli obiettivi principali dell’investimento che hai deciso di fare online. Ma in molti casi non è il primo e sicuramente non può essere il solo: l’iscrizione alla newsletter nel lungo periodo permette alla tua azienda di aumentare in numero di contatti e clienti e di conseguenza anche il fatturato e di marginare meglio di una politica di prezzi bassi utilizzata per aumentare il numero di vendite nel breve e brevissimo periodo. Ma ci sono altre conversioni che permettono di analizzare il flusso degli utenti e che evidenziano un interesse verso quanto tu pubblichi sul sito; queste micro conversioni potrebbero essere il percorso iniziale intrapreso dal tuo futuro cliente e se questa prima esperienza risulta efficace il tempo necessario alla conversione che genera profitto potrebbe essere dietro l’angolo. Ho elencato e descritto i percorsi di conversione in questo articolo e ho parlato del tragitto che porta all’acquisto del prodotto che è la somma di diverse azioni consecutive compiute dall’utente che in estrema sintesi ho rappresentato in questa immagine: In un percorso di vendita sono molte le possibilità che l’utente lo abbandoni: tenere sotto controllo questi passaggi e intervenire per correggere ad esempio il punto che genera più uscite dall’utente inserendo un nuovo invito all’acquisto potrebbe aumentare il tasso di conversione; se ci accorgiamo che il numero di abbandoni si moltiplica nella compilazione delle informazioni di pagamento potrebbe essere necessario inserire una procedura semplificata di acquisto che permette all’utente ad esempio di registrarsi al sito solo con la mail (che per il tuo sito ecommerce significa un nuovo contatto per il mail marketing successivo) e completare la procedura successivamente. Analytics consente di seguire l’evoluzione del tragitto anche in tempo reale e se ai punti di contatto corrisponde un indirizzo web specifico l’impostazione del tool di analisi di Google è molto semplice; attraverso gli obiettivi di Google Analytics è possibile verificare anche le micro conversioni e con un po’ di esperienza puoi scoprire il tempo di permanenza sulle singole pagine, l’uso del sito e scoprire quali utenti tornano e dopo quanto tempo per concludere l’acquisto o l’iscrizione. Il passo successivo è lo studio della reale fruizione di quanto hai pubblicato sul tuo sito web: visualizzazione dei video, scroll delle pagine, click sui link e sui bottoni delle call to action; non solo, oggi è possibile capire se la tua strategia ha avuto effetto anche offline (visite al negozio e telefonate al call center). Anche le piattaforme pubblicitarie di Facebook e Google e degli altri grandi player del web advertising rilasciano codici di tracciamento (come il pixel di Facebook) da inserire sul sito (cookies) che tengono conto delle pagine visitate dall’utente: chi ha visualizzato delle pagine specifiche come il carrello o la pagina di pagamento potrebbe essere raggiunto da una successiva campagna di remarketing (che utilizzano il codice di tracciamento) con la possibilità, per esempio, di approfittare di un nuovo sconto prodotto. Più l’analisi è approfondita più potrai capire quali sono le modifiche da apportare al tuo progetto web complessivo; aumenterai così anche il vantaggio della tua azione rispetto ai competitor diretti che ancora oggi in molti casi non verificano se la loro attività online produce i risultati sperati prendendo come unico riferimento il fatturato generato online (è chiaro che se questo cresce con percentuali a doppia cifra ogni mese non c’è bisogno di fare tanti altri miglioramenti
Torna su