gestire e ottimizzare il social media marketing

Scopri come crescere con il Social Media Marketing 

In attesa del web3 e delle meraviglie del metaverso il social media marketing è tra le strategie online principali di molte aziende per aumentare la propria visibilità. Progettazione, studio del target dei competitor, kpi e obiettivi sono i tratti comuni di tutte le attività di web marketing e non solo.

Ma quali sono i vantaggi principali del Social Media Marketing?

Penso che il principale beneficio sia la possibilità di parlare direttamente con il proprio pubblico se siamo disposti ad ascoltare le idee, i suggerimenti e anche le critiche. Permette alle aziende di promuoversi raccontando le iniziative di valore oltre che per la propria proposta commerciale: sempre di più il consumatore preferisce rivolgersi a aziende che perseguono valori condivisibili come la difesa dell’ecosistema. L’obiettivo quindi è si di acquisire nuovi contatti e clienti ma anche di aumentare il coinvolgimento del fan per aumentare l’efficacia del passaparola.

Qual è il principale errore nella gestione dei Social Network aziendali?

L’essere troppo autoreferenziali. Anche nelle conversazioni tra amici chi parla troppo di sé risulta essere alla lunga noioso. Compito principale del team che gestisce il web marketing è capire, attraverso l’ascolto di cui parlavo prima, cosa la fan base vuole leggere negli aggiornamenti della tua pagina Facebook o del tuo profilo Twitter o vedere nelle tue immagini o nei tuoi reels su Instagram o nei video di TikTok.

Scegliere il social network per promuovere e far crescere la tua azienda.

Qual’è il social network più efficace per far crescere l’azienda? Nell’analisi che precede l’attività di Social Media martketing è indispensabile verificare il personale che abbiamo a disposizione per la gestione oppure i costi per l’affidamento in outsourcing ad un’agenzia per stabilire il numero di piattaforme da utilizzare: il rischio è di attivare canali che poi non vengono popolati con contenuti. Il secondo aspetto è la quantità e il tipo di contenuti che riusciamo a produrre: con video e immagini originali possiamo aspirare a creare interesse nel pubblico e negli algoritmi che governano i social network; se ad esempio non abbiamo possibiltà di creare video, TikTok e YouTube li possiamo escludere a priori.

7 PRO e CONTRO per scegliere il social network più performante per la tua azienda

Risolte queste verifiche il passo successivo è capire il nostro pubblico e/o il target a cui puntiamo dove preferisce riunirsi e condividere. Di seguito una lista personale, non esaustiva e verificata attraverso l’esperienza, dei pro e dei contro delle piattaforme social più diffuse:

  1. Facebook. PRO: la piattaforma più importante per numero di utenti è anche quella più completa in termini feature, possibilità di interazione con il pubblico e dati da studiare; CONTRO: ha una copertura organica poco efficace per le pagine aziendali e i giovani, i futuri consumer, non la amano.
  2. Instagram. PRO: l’altra faccia di META ha nei contenuti visual il suo elemento differenziante che nel tempo l’ha portata tra le prime piattaforme social; come parte di META permette di essere integrata con Facebook e Whatsapp in materia nativa; ha molte possibilità per pubblicare i contenuti e un focus per la promozione dei prodotti. CONTRO: se non hai immagini e video originali faticherai a raggiungere alte vette di fan e appassionati.
  3. TikTok. PRO: il social in più rapida crescita dedicato esclusivamente a video brevi; inizialmente considerato il social dei giovani ha conquistato anche il pubblico adulto; ha una copertura organica molto forte anche per convincere le nuove aziende che aprono il profilo. CONTRO: senza una produzione video di qualità un’azienda potrebbe faticare molto per raggiungere il suo pubblico.
  4. Linkedin. PRO: rimane ancora il social professionale per eccellenza e se selezioni correttamente i fan e posti contenuti di qualità puoi costruire relazioni molto efficaci e durature. CONTRO: senza un piano editoriale e degli obiettivi chiari la presenza della tua attività potrebbe passare inosservata
  5. Twitter. PRO: il social network che preferisco permette di creare un racconto a puntate per promuovere e descrivere la tua azienda; la comunicazione diretta che devi proporre al tuo pubblico, visto il numero limitato di caratteri che puoi utlizzare, lo rendono il social perfetto per gli aggiornamenti e le news. Insieme a Linkedin garantiscono una maggiore efficacia dei link al sito in termini di sessioni e conversioni. CONTRO: i pochi caratteri a disposizione non aiutano le aziende che hanno molto da dire
  6. YouTube. PRO: il social dei video per antonomasia permette di suddividere i tuoi contenuti visual su più canali splittandoli su più argomenti. CONTRO: la possibilità di apparire tra le ricerche Google è piuttosto complessa.
  7. Google My Business: non è proprio una piattaforma social ma lo ritengo lo strumento più importante per chi ha business con sedi locali con tra l’altro la possibilità di essere integrato con i servizi Google, come Maps, Ads e YouTube. CONTRO: non ci sono evidenti elementi negativi se non per le recensioni che sono più evidenti che in altri social e come in altri social non puoi individuare troll e concorrenti malevoli e le segnalazioni sono difficili da far valere.

Progettare la campagna di Social Media Marketing. Analisi e Piano editoriale

Il piano editoriale dei social network e del blog è lo strumento principale costruito sulla base di un’analisi preventiva della situazione attuale (fan base, statistiche e competitor). Il documento deve essere strutturato per essere facilmente consultabile dal SMM e da chiunque interagisca con le piattaforme social. Il Piano Editoriale nello specifico deve riportare, divisi per canale e lingua, gli obiettivi e i KPI principali secondari che si desidera raggiungere, il target specifico a cui viene rivolta la comunicazione, il tone of voice, i principali eventi interni (webinar, dirette dalle fiere, presentazioni prodotti e altro) ed esterni (festività nazionali e/o internazionali), le fonti, gli argomenti, le keyword e gli hashtag (laddove previsti) e i tool per la calendarizzazione, per il monitoring e la reportistica. Dal Piano Editoriale deriva il calendario editoriale altro potente strumento in mano al SMM che permette la programmazione dei contenuti da pubblicare per la successiva verifica da parte dei responsabili.

Controllare la campagna di Social Media marketing

Il controllo delle performance è indispensabile per tutte le attività di web marketing: le domande a cui dobbiamo dare risposta sono:

  1. Abbiamo raggiunto gli obiettivi e i KPI impostati?
  2. Il nostro target ha apprezzato i contenuti che abbiamo postato?
  3. Ci sono state delle reazioni? Quali sono le interazioni principali che abbiamo ottenuto?
  4. Quali sono stati i contenuti chhe hanno riscosso maggior successo?
  5. Abbiamo intercettato nuovi fan? Abbiamo ottenuto nuovi leads?
  6. Quante visite sul sito ci sono state?
  7. Come possiamo aumentare le interazioni complessive generate sui diversi profili e account social?

Molti tool possono aiutarci per dare una risposta a queste domande: integrandoli insieme su un unico report possiamo tenere sotto controllo le performance dei nostri social giorno per giorno e a colpo d’occhio. 

Sperimentare è la parola d’ordine di tutte le attività online e in particolare sui Social Network

La sperimentazione è indispensabile per il marketing in tempo reale insito nelle piattaforme di social network: programmazione e verifica sono accentuati in questa fase vista la prontezza di riflessi del nostro pubblico. Una volta stabiliti obiettivi della campagna specifica e i contenuti si procede alla pubblicazione; tenendo d’occhio in particolare i KPI stabiliti in precedenza è possibile verificare l’andamento e intervenire per correggere il tiro della campagna.

Torna su